Foto dal Comune di Laterina
 

TARSU - Tassa Smaltimento Rifiuti Solidi Urbani

Presupposto della tassa

La tassa è dovuta per l’occupazione o la detenzione di locali ed aree scoperte a qualsiasi uso adibiti, ad esclusione delle aree comuni del condominio di cui all’art. 117 del C.C.

Obblighi del contribuente 

I soggetti che occupano o detengono i locali o le aree scoperte devono, ai sensi dell’art. 70 del D.Lgs. n. 507/93, presentare entro il 20 gennaio successivo all’inizio dell’occupazione o detenzione:

·Le denunce di inizio occupazione o detenzione dei locali

·Le denunce di variazione delle condizioni di tassabilità dei locali (es.: ampliamento dei locali, cambiamento della destinazione d’uso, etc.)

·Le denunce di variazione, qualora nel corso dell’anno siano venute meno le condizioni che avevano comportato l’applicazione della riduzione tariffaria (es.: soggetto già unico occupante che ha contratto matrimonio)

Qualora le condizioni di tassabilità siano rimaste invariate, la denuncia già presentata ha effetto anche per gli anni successivi. 

Per assolvere tale adempimento i soggetti possono utilizzare gli stampati a tal fine predisposti dall’Ufficio Tributi, corredati possibilmente di planimetria dell’immobile occupato e/o detenuto e del titolo di occupazione

Contenuto della denuncia

La denuncia deve contenere:

1 - l’indicazione del codice fiscale

2 - cognome e nome nonché luogo e data di nascita delle persone fisiche componenti il nucleo familiare o la convivenza;

3 - per gli enti, istituti, associazioni, società ed altre organizzazioni devono essere indicati la denominazione, la sede e gli elementi identificativi dei rappresentanti legali;

4 - l’ubicazione, la superficie e i dati catastali dei singoli locali e delle aree e l’uso cui sono destinati;

5 - la data di inizio della conduzione o occupazione dei locali e delle aree;

6 - la provenienza

7 - la data in cui viene presentata la denuncia e la firma di uno dei coobbligati o del rappresentante legale

Tariffe

Sono stabilite annualmente dalla Giunta Comunale in relazione al costo di servizio ed alle esigenze di bilancio nei termini previsti per l’approvazione di quest’ultimo

Riduzioni

 

- 33,33% per le abitazioni con unico occupante

- 10% per le abitazioni tenute a disposizioni per uso stagionale o discontinuo o limitato, limitatamente ad una sola abitazione (oltre l’abitazione di residenza), purchè venga dichiarato espressamente di non voler cedere l’alloggio in locazione o in comodato, salvo accertamento da parte del Comune;

- 33,33% per i locali ed aree coperte utilizzate stagionalmente come chalet, chioschi, parchi divertimento, luna park;

- 33,33% per le abitazioni poste nel territorio comunale e tenute a disposizione da parte di soggetti residenti all’estero per oltre sei mesi all’anno;

- 10% per la parte abitativa di costruzioni rurali occupate da agricoltori. Per agricoltori si intendono gli imprenditori agricoli definiti dal C.C. e che traggano dalla conduzione del fondo un reddito superiore ai 2/3 di quello complessivo ai sensi dell’art. 12 della legge 09.05.1975, n.153. Tale riduzione compete solo alle occupazioni esercitate da persone fisiche, con esclusione degli immobili condotti da persone giuridiche.

·La misura delle riduzioni è stabilita annualmente dalla Giunta comunale in relazione al costo di servizio ed alle esigenze di bilancio nei termini previsti per l’approvazione di quest’ultimo;

·Se il contribuente non adempie l’obbligo di denunciare il venir meno delle condizioni che hanno dato diritto alla riduzione entro il 20 gennaio, si provvede al recupero del tributo a decorrere dall’anno successivo a quello di denuncia dell’uso che ha dato luogo alla riduzione tariffaria e sono applicate le sanzioni per omessa denuncia di variazione;

Agevolazioni

 

1 - per i locali, adibiti ad abitazione, occupati da nuclei familiari composti da due persone, entrambe pensionate, almeno uno dei due ultrasessantacinquenne, con un reddito ISEE pari a € 8.000,00 la tassa è ridotta del 33,33%;

2 - per i locali, adibiti ad abitazione, occupati da nuclei familiari composti da due persone, entrambe pensionate, almeno uno dei due ultrasessantacinquenne, con un reddito ISEE pari a € 7.000,00 la tassa è ridotta del 50%;

3 - sono esenti i locali adibiti ad abitazione occupati in locazione da un nucleo familiare monocomponente, pensionato, residente nel Comune, ultrasessantacinquenne, con un reddito imponibile ISEE pari a €  6.000,00;

4 - la tassa è ridotta del 40% per i locali adibiti ad abitazione occupati da nuclei familiari di cui fanno parti:

a - soggetti handicappati "gravi" con riconoscimento in base alla legge 104/71,

b - invalidi civili "gravi"  con invalidità al 100% in base alle leggi 118/71, 18/80, 508 e 509/88,

c - cieco assoluto in base alla L. 382/70,

d - sordomuto in base alla L. 381/70,

e - invalidi civili "medio-gravi" con invalidità fra 67 e 99% in base alla legge 118/71, 18/80, 508 e 509/88, non ricoverati in Istituti, il cui ISEE, familiare, non sia superiore a € 8.000,00

5 - la tassa è ridotta dell’80% per i locali e le aree occupate da convitti o comunità adibiti a centri di accoglienza recupero terapeutico di tossicodipendenti, handicappati.

Le condizioni di cui sopra dovranno essere documentate da dichiarazione sostitutiva ai sensi dell'art.47 del D.P.R. n.445 del 28/12/2000 entro il 20 gennaio, nonché dalla copia del verbale della commissione medica competente ove richiesta.



Via Trento, 21 52020 - LATERINA (AR) - Tel. +39 0575 88011 - Fax. +39 0575 894626
e-mail: protocollo@comune.laterina.ar.it   PEC: comune.laterina@postacert.toscana.it
IBAN : IT53S0103071470000000068115